Alla pensilina.
Due signore anziane discutono di uomini, di capelli, di cucina e del tempo che fu.
“Le donne sono più curiose”.
“Gli uomini in pensione diventano una palla al piede”.
“Si ricorda quando non c’erano i borlotti? A me piacciono molto. Una volta non c’era tutta questa varietà”.
Poi la più anziana si gira verso di me.
“Scusa, eh, se siamo chiacchierone. Però anche voi giovani lo siete. E meno male. Gli uomini loro stanno sempre più zitti di noi. Che tristi a volte”.

Saliamo in autobus.
Mille ragazzine ciacolano a più non posso di trucchi, iPhone, ragazzi, scuola e vita da adolescenti in generale. L’unico uomo è un badante e si fa i fatti suoi.
Ha ragione la signora anziana: siamo sempre chiacchierone.

Un’ora dopo sto guardando a teatro Aspettando Godot. Davanti a me ci sono cinque donne che stanno giustamente zitte, per dimostrare che anche noi al momento giusto sappiamo farlo.
Ma l’unico uomo fa di più.
Dorme beato.